Accise

Uno dei motivi per cui agli italiani non piace molto fare le guerre è che poi le pagano nei diversi decenni successivi. Infatti, il metodo più “facile” per raccogliere soldi utili a finanziare una guerra è l’aumento delle accise, che sono tasse dirette su un singolo prodotto di consumo, in particolare le accise sulla benzina. Tasse che poi non vengono più tolte quando la motivazione cessa di esistere: gli italiani stanno infatti ancora pagando la guerra d’Etiopia del 1935-36. L’altra idea dei governi è l’utilizzo delle accise per risolvere i danni e i problemi che nascono dalle tragedie nazionali, così che risulti impossibile lamentarsi dell’aumento delle tasse senza sembrare cinici cuori di pietra: che cosa sono infatti pochi centesimi di aumento di fronte alle sofferenze dei connazionali colpiti da un terremoto? Ecco le motivazioni dell’introduzione delle principali accise che ancora oggi si pagano su ogni litro di benzina:

1935 Guerra d’Etiopia € 0,001
1956 Crisi di Suez € 0,007
1963 Tragedia del Vajont € 0,005
1966 Alluvione di Firenze € 0,005
1968 Terremoto nel Belice € 0,005
1976 Terremoto nel Friuli € 0,051
1980 Terremoto in Irpinia € 0,039
1983 Missione di pace in Libano € 0,106
1996 Missione di pace in Bosnia € 0,011
2011 Emergenza Libia € 0,040
2011 Alluvione in Toscana e Liguria € 0,0089

.






Donare è una forma di amare. Se ti piace il nostro lavoro, considera la possibilità di fare una piccola donazione.

I commenti sono chiusi.