Tracce di te

Malinconia“Tracce di te” è una canzone di Francesco Renga che è stata presentata al Festival di Sanremo del 2002. Il brano è una lunga lettera del cantante a sua madre scomparsa, che si intreccia con il tentativo di esorcizzare questo dolore e la paura di dimenticare una persona che si ama.

Eccomi, bicchiere tra le dita
e gente sconosciuta intorno a noi.
Venderei a pezzi la mia vita
per essere un minuto come vuoi.
Ma guardami! Non sono l’uomo che credevi tu,
povera madre!
Sì, lo so…
il tempo passa e non ce la fai più
ad aspettare.
Qui non c’è mai nessuno che mi parli di te!
Io mi perdo nel fumo di mille parole
per fingere che…
E cerco ancora qualcosa nel silenzio che c’è,
lungo questo cammino io trovo di nuovo
le tracce di te.
Sai, di te ho sempre quel ricordo:
seduta mi accarezzi il volto e poi
Resti lì, con quel sorriso sordo
di chi sa che ha finito i giorni suoi..
Quando anch’io avrò qualcosa forse smetterò
di farmi male.
Ora no. Starò seduto dentro a questo bar
ad aspettare.
Qui non c’è mai nessuno che mi parli di te!
Io mi perdo nel fumo di mille parole
per fingere che…
E cerco ancora qualcosa nel silenzio che c’è,
lungo questo cammino io trovo di nuovo
le tracce di te.





I commenti sono chiusi.