Sissignor, sur Marches, lu l’è marches – Carlo Porta

Principale poeta dialettale milanese, in questa poesia del 1815 Carlo Porta (1775-1821) si scaglia contro un nobile (forse il marchese Giovanni Giacomo Medici di Marignano), arrogante e ignorante, espressione di una nobiltà che ha ormai fatto il suo tempo e che non ha ancora capito che la storia va in un’altra direzione. Vi proponiamo la poesia in milanese con la traduzione in italiano.

 

Carlo Porta

Sissignor, sur Marches, lu l’è marches,
marchesazz, marcheson, marchesonon,
e mì sont el sur Carlo Milanes,

e bott lì! senza nanch on strasc d’on Don.

Lu el ven luster e bell e el cress de pes
grattandes con sò comod i mincion,
e mì, magher e biott, per famma sti spes
boeugna che menna tutt el dì el fetton.

Lu senza savè scriv né savè legg
e senza, direv squas, savè descor
el god salamelecch, carezz, cortegg;

e mì (destinon porch!), col mè stà sù
sui palpee tutt el dì, gh’hoo nanch l’onor
d’on salud d’on asnon come l’è lu.

Traduzione:

Sissignore, signor Marchese, lei è Marchese,
marchesazzo, marchesone, marchesonone,
e io sono il signor Carlo milanese,
e basta! senza nemmeno lo straccio di un Don.

Lei diventa lucido e bello e cresce di peso
grattandosi con suo comodo i coglioni,
e io, magro e spoglio, per mantenermi a galla,
bisogna che muova il sedere tutto il giorno.

Lei senza saper scrivere né saper leggere,
e senza, direi quasi, saper parlare,
si gode salamelecchi, carezze, corteggiamenti;

e io (destinaccio porco!), con il mio star piegato
sulle carte tutto il giorno, non ho nemmeno l’onore
di un saluto da un asinone come lei.





Precedente Un americano a Roma Successivo Scusi! Prenotiamo una visita