Mina

MinaAnna Maria Mazzini, conosciuta come Mina, artista di fama internazionale, viene considerata da molti la più grande cantante italiana. Nasce nel 1940 a Busto Arsizio, ma, alcuni mesi dopo la sua nascita, la famiglia si trasferisce a Cremona, città in cui la cantante abita fino ai primi anni di carriera e che spiega  il soprannome  “Tigre di Cremona”.

Inizia a cantare, come tanti altri artisti, in serate nei locali e partecipazioni in complessi vari ed è  in una di queste occasioni che Mina incontra un discografico e nel 1959 debutta in tv nel programma “Musichiere”.

Partecipa due volte al Festival di Sanremo ma le sue aspettative vanno deluse e promette a se stessa di non partecipare più alla gara canora. E così sarà.

Il 1961 la vede protagonista di “Studio Uno”, la popolare trasmissione televisiva. E’ in questo periodo che conosce e si innamora dell’attore Corrado Pani, dal quale avrà un bambino. L’attore, però, è già sposato e questo provoca uno scandalo tanto che Mina viene cacciata dalla televisione di stato. Nonostante lo scandalo, molti italiani, ammiratori della cantante, protestano e spingono la Rai a far tornare Mina l’anno seguente e in modo trionfante.

Mina diventa così la regina dei cosiddetti “Urlatori”, quel tipo di cantanti che negli anni ’60 venivano così etichettati per via dello stile ribelle e sguaiato.

Nel 1968 festeggia i primi dieci anni di carriera proprio in quel locale che l’aveva vista esibirsi per la prima volta, la Bussola, e dove fra l’altro registra anche il suo primo album dal vivo che è anche il primo album live mai realizzato da una cantante italiana.

Nel 1974 presenta con Raffaella Carrà “Mille Luci”, ma sono le sue ultime apparizioni televisive. Mina abbandona la televisione, smette di fare concerti dal vivo, non concede più interviste e non si fa più fotografare.
Si trasferisce in Svizzera da dove, però, continua a incidere album e a scrivere articoli.

E così da diva è diventata mito. Eppure, come ha scritto una volta, “quante lacrime!”.

I commenti sono chiusi.