Lessico – Dipendenza da videogiochi

Scegli il sostantivo corretto tra quelli proposti.

L’ ludica ha in sé degli aspetti psico-educativi e psico-sociali di grande , in quanto essa è in grado di stimolare e partecipare alla della personalità, della cognitività e dell'emotività, e non ultimi all'apprendimento di regole sociali e all’integrazione con gli altri.
Molteplici studi, infatti, hanno posto in che i bambini i quali fanno più di giochi di ruolo sviluppano una maggiore capacità di inserimento sociale, accrescendo empatia ed emotiva.
Purtroppo oggigiorno il gioco è sempre più sostituito dal videogioco, il quale non ha le medesime caratteristiche maturative e che, anzi, può veicolare modelli poco pedagogici e uno stile di socialmente isolato.
In tal modo è da qualche anno che si sta assistendo al passaggio dal classico gioco al videogioco, e al fatto che esso alcune volte diventi un passatempo così tanto usato da generare uno stato di abuso ed una successiva vera e propria .
Dunque con l'utilizzo smodato del videogioco si sono manifestati e moltiplicati per l'individuo diversi rischi circa il suo benessere psicologico, ma anche sociale, scolastico, familiare e così .
Tale uso protratto per lungo tempo durante il corso della giornata si tramuta molto spesso nella cosidetta videogioco-mania.
Nella dipendenza da videogiochi il tempo impiegato a giocare virtualmente sale in modo esponenziale e in tempi brevi, invadendo spazi e tempi prima dedicati ad attività reali, alla , al tempo libero, agli amici e sostituendosi ad esse.
L’ossessione verso l'utilizzo del videogioco può indurre uno stato di quando non vi è la possibilità di giocare e disturbi del sonno e di isolamento sociale legati all'eccessivo uso del gioco virtuale.
Un ulteriore problema, infine, oltre a quello legato alla dipendenza, è quello legato alla diffusione da parte dei videogiochi di ultima di modelli e scene troppo violente per i loro giovani utilizzatori, i quali possono apprendere ed emulare comportamenti pericolosi per loro stessi e per gli altri amici e compagni.

(da www.cpsico.com)





Comments are closed.