Glossario – La pittura

Il glossario è una raccolta di parole poco comuni, riferite ad un ambito particolare, con la propria definizione.
La pittura è un mondo particolare con termini specifici e questa breve raccolta cerca di illustrarcelo semplicemente.

Gli strumenti del pittore sono presenti nel nostro vocabolario illustrato.

Pittura

Annunciazione
E’ un soggetto comune nella pittura italiana. Rappresenta l’Arcangelo Gabriele che annuncia a Maria che rimarrà incinta.

A secco (pittura)
E’ un tipo di pittura fatta sull’intonaco dopo che si è asciugato. Il colore rimane sulla superficie ed è più facile che si rovini con il passare del tempo.

Acquerello
E’ un tipo di pittura fatto con i colori ad acquerello e generalmente su carta. Gli strumenti per gli acquerelli non richiedono molto spazio, ma bisogna stare molto attenti all’umidità dell’aria e all’assorbenza della carta.

Affresco
E’ un tipo di pittura fatta sull’intonaco a fresco, cioè prima che sia asciutto. Dato che l’intonaco assorbe velocemente il colore, il lavoro deve essere veloce e senza errori. E’ una tecnica che richiede grandi capacità ma che permette all’opera di rimanere.

Bilanciamento
Il bilanciamento di un’opera è l’equilibrio che c’è tra i colori e tra gli spazi e i vuoti.

Bozzetto / Schizzo
E’ un piccolo disegno o un modello che un artista fa come progetto per il lavoro definitivo.

Brillantezza o luminosità
E’ quanta luce riflette sul colore. Il contrario è l’opacità.

Calvario
Immagine di Cristo crocifisso affiancato da Maria e Giovanni.

Caricatura
E’ disegno o una pittura che rappresenta una persona. Questo disegno accentua (carica) alcuni tratti riconoscibili del fisico della persona per dare un effetto comico.

Cartiglio
E’ la rappresentazione di una striscia di carta arrotolata, o semi-arrotolata, su cui viene scritto qualcosa.

Chiaroscuro
E’ il rapporto tra le zone di luce e le zone di ombra create nell’opera. Il chiaroscuro serve a dare risalto ad alcuni soggetti e, soprattutto, a dare la profondità alle figure.

Collage
E’ una tecnica che consiste nell’incollare vari materiali su un supporto.

Colori primari
Sono i colori di base, quelli da cui possiamo ottenere tutti gli altri colori.
Sono:
– rosso
– blu
– giallo
Per la scienza il nero è l’assenza di colore e il bianco è la somma dei colori. Per un pittore è il contrario.

Colori secondari
Si ottengono mischiando a coppie i colori primari. E sono:
– arancione (rosso + giallo)
– verde (giallo + blu)
– viola (blu + rosso)

Colori per dipingere – Acquerelli
Sono formati da pigmenti legati con acqua e altre sostanze. Sono molto liquidi e molto trasparenti. In genere non possono essere usati su superfici che assorbono i liquidi velocemente (come la tela).

Colori per dipingere – ad olio
Sono formati da pigmenti legati con oli. Sono molto liquidi ma sono anche molto decisi. Devono essere usati su superfici che assorbono i liquidi rapidamente (come la tela) e durano a lungo nel tempo senza cambiare.

Colori per dipingere – a tempera
Sono formati da pigmenti legati con delle colle. Possono essere usati su carta e su tela. Sono molto coprenti e si secca rapidamente.

Colori per dipingere – acrilici
Sono formati da pigmenti legati ad una sostanza chimica particolare. Sono molto moderni e sono simili ai colori a tempera ma con una maggiore brillantezza.

Contorno
Linea che circonda una figura.

Deposizione
E’ un soggetto comune della pittura italiana. Rappresenta il momento successivo alla crocefissione di Gesù, quando viene fatto scendere dalla croce.

Dittico
E’ l’insieme di due pitture dipinte su tavola, spesso con un soggetto sacro.

En plein air
E’ un’espressione francese usata in italiano. Vuol dire all’aria aperta e indica una pittura fatta all’aperto e non nel proprio studio.

Graffito
Il graffito era all’inizio un’opera fatta graffiando una superficie di una parete. Oggi la parola è usata, al plurale, per indicare le pitture fatte con bombole spray su alcuni spazi urbani (muri, metropolitane, saracinesche ecc…).

Grafica
E’ un progetto fatto per produrre qualcosa in serie, cioè in grandi quantità.

Grafite
E’ un minerale formato da carbonio. Il suo colore è grigio scuro e viene usato per le matite.

Idrosolubile
E’ una sostanza che si scioglie in acqua.

Incarnato
E’ il colore della pelle umana in un dipinto.

Intensità
Indica quanto un colore sia denso e sia evidente in un’opera.

Intonaco
E’ il sottile strato di una sostanza, la malta, usato per rendere uniforme una superficie di un muro.

Litografia
E’ un tipo di stampa. Il nome viene da lithos, pietra, e graphé, cioè scrittura. All’inizio questa stampa, nata nel ‘700, viene fatta usando una pietra che veniva incisa.

Lunetta
E’ la pittura che si trova nella parte sopra a porte e finestre con la forma di mezzo cerchio.

Matrice
E’ uno stampo o modello per riprodurre qualcosa.

Miniatura
E’ la pittura di un’opera molto piccola, soprattutto su carta. Questa tecnica era usata all’inizio per dipingere in rosso le prime lettere di un manoscritto. Infatti il nome miniatura viene proprio da minium, che vuol dire rosso.

Mosaico
E’ un’opera formata dalla disposizione, su una superficie, di tessere colorate. L’arte dei mosaici è chiamata arte musiva.

Murales
Sono pitture fatte su pareti di edifici.

Natura morta
E’ un soggetto standard della pittura. Questo soggetto rappresenta piante, frutta o comunque oggetti inanimati.

Pala
E’ un dipinto con un soggetto sacro. Questo dipinto è fatto su una tavola di legno che viene messa sopra l’altare in chiesa.

Panneggio
Disegno o pittura delle pieghe di un tessuto.

Pennellata
Tratto lasciato con il pennello.

Pietà
E’ un soggetto comune dell’arte italiana. Rappresenta Maria con in braccio il Cristo morto.

Pigmenti
Sostanze usare per cambiare il colore a un materiale. Sono delle polveri che vengono ricavate spesso dalle rocce o da piante. Legate alle altre sostanze (oli, acqua, colla ecc..) formano i colori.

Polittico
E’ l’insieme di più pitture dipinte su tavola, che servono a decorare l’altare di una chiesa.

Prospettiva
E’ una tecnica per rappresentare una figura tridimensionale su una superficie piatta.

Punto di fuga
E’ legato alla prospettiva ed è il punto verso cui tutte le linee parallele sembrano andare.

Serigrafia
E’ un tipo di stampa che usa come modello un tessuto. Questo tessuto viene reso impermeabile in alcuni punti, con delle sostanze particolari mentre il colore viene fatto filtrare dal resto del tessuto.

Sfumatura
E’ una variazione del colore.

Sinopia
E’ il disegno di preparazione dell’affresco che viene fatto sull’intonaco.

Tiratura
E’ il numero di prodotti stampati con uno stesso modello.

Tonalità
E’ il colore puro, senza aggiunta di bianco o di nero.

Tratto
Segno lasciato con matita, penna o pennello.

Trittico
E’ l’insieme di più pitture dipinte su tavola che sono legate tra di loro da alcuni ganci.

Trompe l’oeil
E’ un’espressione francese usata in italiano. E’ un’illusione ottica che viene fatta attraverso la pittura.

Vernice
E’ un liquido che viene steso sopra un colore per proteggerlo nel tempo. Oggi con vernice viene chiamato anche il colore che si usa per le dipingere le pareti.

Vivacità
E’ una qualità soggettiva. Un colore si dice vivace o caldo se ha delle sfumature di rosso, arancione e giallo, mentre si dice spento o freddo se ha sfumature di blu, verde o viola.

Xilografia (o silografia)
E’ un tipo di stampa usata per opere artistiche. Il nome viene da xilos, legno, e graphé, scrivere. La tecnica consiste nell’incidere sul legno il disegno che si vuole stampare.





I commenti sono chiusi.