Un esercizio di stile

Con la legge n. 75 del 1958, il Parlamento italiano approvava la definitiva chiusura delle “case di tolleranza”, quelle in cui lo Stato consentiva lo sfruttamento della prostituzione, legando le donne che vi lavoravano a uno stigma che privava loro e i loro figli dei diritti civili. E’ stata una delle prime e più importanti leggi del Parlamento che applicava il dettato costituzionale dell’uguaglianza di genere. Promotrice della legge era stata la senatrice socialista Lina Merlin, che aveva condotto una battaglia cominciata nel 1948.

Il giornalista Ugo Zatterin, per informare i cittadini dell’approvazione della “legge Merlin” in televisione, riusciva a fare un lungo discorso senza mai pronunciare le parole proibite nella Rai un po’ bigotta e conformista dell’epoca: “prostitute”, “case di tolleranza”, “protettori”. Un grande esercizio di stile e di abilità:


1958 – Zatterin annuncia la legge Merlin e la… di rowtidy





Precedente Alfonsina Strada