Tosca

Tosca è, forse, l’opera più drammatica di Giacomo Puccini. La prima rappresentazione è stata a Roma nel Teatro Costanzi, il 14 gennaio del 1900.

Tosca

Riassunto della storia:
Angelotti, bonapartista, scappa dalla prigione di Castel Sant’Angelo a Roma e la marchesa Attavanti lo aiuta travestendolo da donna.
Angelotti è aiutato anche da un pittore, Mario Cavaradossi, che aveva peraltro dipinto la marchesa Attavanti. Mentre i due uomini parlano di fuga entra Tosca, l’amante di Cavaradossi, e Angelotti si nasconde.
Tosca vede la marchesa ritratta e diventa subito gelosa.
Il capo della polizia papalina, Scarpia, sospetta di Cavaradossi e decide di usare la gelosia di Tosca. Infatti Scarpia fa credere a Tosca che Cavaradossi si trovi con la marchesa. Tosca va a cercarlo e Scarpia la fa seguire.
Cavaradossi viene arrestato e torturato ma quando Tosca sente le sue urla rivela lei stessa il nascondiglio di Angelotti. Scarpia fa uccidere immediatamente Angelotti e condanna Cavaradossi alla morte.
Tosca chiede la grazia per Cavaradossi ma Scarpia vuole che lei diventi la sua amante. Tosca finge di accettare e Scarpia le rivela che la fucilazione di Cavaradossi è una finzione. Allora Tosca uccide il capo della polizia e corre da Cavaradossi che le stava scrivendo una lettera drammatica. Tosca gli dice che la sua fucilazione è una finzione.
Ma in realtà Cavaradossi viene fucilato veramente e Tosca, che è inseguita dalla polizia per la morte di Scarpia, si getta dal castello.

I commenti sono chiusi.