Tammuriata nera

Tammuriata nera è una canzone popolare napoletana scritta nel 1944 durante l’occupazione americana. La canzone parla di una signora che partorisce un bambino nero e questo crea uno scandalo anche se la madre lo ama.

Io nun capisco ‘e vvote che succede
e chello ca se vede nun se crede
è nato nu criaturo è nato niro,
e ‘a mamma ‘o chiamma Ciro, sissignore, ‘o chiamma Ciro.
Seh vota e gira seh
seh gira e vota seh
ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono
ca tu ‘o chiamme Peppe o Ciro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…
S”o contano ‘e cummare chist’affare
sti cose nun so’ rare se ne vedono a migliare,
‘e vvote basta sulo ‘na guardata,
e ‘a femmena è rimasta sott”a botta ‘mpressiunata.

Seh ‘na guardata seh
seh ‘na ‘mprissione seh
va truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…
E dice ‘o parularo, embè parlammo,
pecché si raggiunammo chistu fatto ce ‘o spiegammo.
Addò pastin’ ‘o grano, ‘o grano cresce
riesce o nun riesce, semp’è grano chello ch’esce
Meh dillo a mamma meh
meh dillo pure a me
conta ‘o fatto comm’è ghiuto
Ciccio, ‘Ntuono, Peppe, Ciro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a che…
Seh ‘na guardata seh
seh ‘na ‘mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…
‘E signurine ‘e Capodichino
fanno ammore cu ‘e marrucchine,
‘e marrucchine se vottano ‘e lanze,
e ‘e signurine cu ‘e panze annanze.
American espresso,
damme ‘o dollaro ca vaco ‘e pressa
sinò vene ‘a pulisse,
mette ‘e mmane addò vò isse.
Aieressera a piazza Dante
‘o stommaco mio era vacante,
si nun era p”o contrabbando,
ì’ mò già stevo ‘o campusanto.
E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà.
‘E signurine napulitane
fanno ‘e figlie cu ‘e ‘mericane,
nce vedimme ogge o dimane
mmiezo Porta Capuana.
Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare ‘e signurine.
E Ciurcillo ‘o viecchio pazzo
s”è arrubbato ‘e matarazze
e ll’America pe’ dispietto
ce ha sceppato ‘e pile ‘a pietto.
Aieressera magnai pellecchie
‘e capille ‘ncopp”e recchie
e capille e capille
e ‘o decotto ‘e camumilla…
‘O decotto,’o decotto
e ‘a fresella cu ‘a carna cotta,
‘a fresella ‘a fresella
e zì moneco ten”a zella…

Traduzione italiana

Io non capisco a volte che succede,
che quello che si vede non si crede!
E’ nato un bambino, è nato nero
e la mamma lo chiama Ciro,
sissignore! Lo chiama Ciro!

Rigirala come ti pare,
Rigirala come ti pare,
che tu lo chiami Ciccio o Antonio
che tu lo chiami Peppe o Ciro
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Ne parlano le donne di quest’affare:
“Questi fatti non sono rari se ne vedono a migliaia!
A volte basta solo una guardata
e la donna è rimasta impressionata per il colpo!”

Sì, una guardata, sì!
Sì, una impressione, sì!
Vai a trovarlo adesso chi è stato
che ha fatto il tiro buono
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Dice il contadino: “Su, parliamo,
perché se ragioniamo questo fatto ce lo spieghiamo!
Dove si semina il grano, il grano cresce,
riesce o non riesce sempre è grano quello che esce.”

Mah, dillo a mamma,
mah, dillo pure a me,
che tu lo chiami Ciccio o Antonio
che tu lo chiami Peppe o Ciro
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Sì, una guardata, sì!
sì, una impressione, sì
vai a trovarlo adesso chi è stato
che ha fatto il tiro buono
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Le ragazze di Capodichino
fanno l’amore coi marocchini,
i marocchini si buttano con lancia in testa
le ragazze restano incinte.

American Express,
dammi il dollaro ché vado di fretta,
che sennò viene la “police”
e fa quello che vuole lei.

Ieri sera in piazza Dante
avevo la pancia vuota,
non ci fosse stato il contrabbando
sarei già andato al camposanto.

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.

Le ragazze napoletane
fanno figli con gli americani,
ci vediamo oggi e domani
a Porta Capuana.

Le sigarette per il babà
le caramelle per mammà,
il “biscuit” per il bambino
e due dollari per le signorine.

A Concetta e a Nanninella
gli piacevan le caramelle,
ora si presentan come zitelle,
e vanno a finire nei bordelli.

E Churchill, quel vecchio pazzo
si è rubato i materassi,
e l’America, per dispetto
gli ha fregato i peli dal petto.

Ieri sera mangiavo bucce
coi capelli sulle orecchie,
i capelli, i capelli
il decotto di camomilla,
il decotto, il decotto
e la frisella con la carne cotta
la frisella, la frisella,
e zio frate ha la rogna..





Precedente La canzone del Piave - Canzone della I Guerra Mondiale Successivo Canzoni storiche