Proverbi romani

RomaniI romani parlano male, ma pensano bene.

Male nun fa’, paura nun ave’

Fa bene e scordate, fa male e penzace

A chi tocca nun se ‘ngrugna.

A l’omo da poco faie accenne er foco.

A Roma Iddio nun è trino, ma quattrino.

Nun se buggera er cantaro

Gira e rigira er cetriolo va sempre ‘nculo all’ortolano

Noi romani l’aria der me ne frego, l’avemo avuta concessa da Cristo.

A sapè fa ‘a scena, quarcosa se ruspa

Chi c’ha er pane, nun c’ha li denti.

A Anagni se non porti non magni

Mejo esse odiati che compatiti

Chi de speranza vive, disperato more.

Chi du bocche bacia una ne schifa

Chi mena pe pprimo mena du’ vorte.

Ce stanno du tipi de donna: le zoccole e le pure. Le zoccole, so zoccole; le pure, pure.

Chi se china troppo fa’ vede er culo.

Nun è villano chi a la villa nasce, ma è villano chi de villania se pasce

A chi jè rode er culo jè puzza er dito de merda.

Chi se serve da sé, è servito come un re.

Chi stupido nasce, stupido ha ‘da morì.

Chi va pe ’sti mari, riccoje ’sti pesci.

Cristo ‘n mena mai co du’ bastoni.

Chi è bella se vede chi è bona se sa

Chi c’ha i quattrini nun c’ha mai torto

Daje eddaje pure li piccioni se fanno quaie.

Donna che move l’anca si n’è mignotta poco ce manca.

Er sordo che nun sente a prima voce, se vede che er discorso non je piace.

In gioventù er casino, in vecchiaia Cristo e vino

In tempi de guera, ogni buco è frontiera.

A vorte pure ‘e purci c’hanno ‘a tosse

Gallina che non becca ha già beccato

La gatta frettolosa se piscia sui piedi.

L’amore nunn’è bbello si nunn’è litigarello.

L’omo, pe esse omo, ha da puzzà.

Le bucje cjanno le gambe corte.

Mbè? Mbè fanno le pecore, e il lupo se le magna.

Mejo avé i carzoni rotti ‘n culo, che er culo rotto dentro ri carzoni.

Mejo che la panza mia crepi che la bbontà de Ddio se sprechi.

Nun se rubba a casa dei ladri

Mejo faccia tosta, che panza moscia.

Mejo puzzà de vino che d’acqua santa.

Er cane mozzica sempre a’o stracciarolo

Nun te fà cantone che te pisciano addosso.

Ogni ora nasce un fungo.

Ognuno co ‘a farina sua ce fà li gnocchi che je pare.

Omo de panza, omo de sostanza.

Panza piena, nun pensa a panza vota.

Chi tte fa più de mamma, o tte finge o tt’inganna

Li sordi so’ come li dolori. Chi cellà se li tiene

Sordato che fugge è bbono per n’antra battaija

Pe conosce bene ‘a famija, prima ‘a madre e poi ‘a fija.

Quand’anche la merda avrà valore i poveri nasceranno senza culo.

Quann’è vvizzio nun è ppeccato.

So boni tutti a fa’ i froci cor culo dell’antri

Quanno te dice male mozzicheno pure ‘e pecore.

Regalato è morto e Donato sta ppe’ morì.

Piove o nun piove er papa magna

Quanno te sveji co quattro palle,er nemico è alle spalle.

Quello che nun strozza ‘ngrassa.

Fidete der ricco impoverito e nun te fidà der povero arricchito.

Poco e gnente j’è parente

Roma è ‘na città devota, ogni strada un convento, ogni casa ‘na mignotta.

Se t’encazzi e poi te scazzi è tutto un cazzo che t’encazzi.

Troppi galli a cantà, nun se fa mai giorno.

Cent’anni de pianti, nun pagheno un sordo de debiti.

Chi c’ha i quattrini nun c’ha mai torto.

Fatte nome e va a rubbà.

Se mi nonno ciaveva le rote era un tramvai.

Se mi nonno ciaveva le rote era na cariola.

Se mi nonno ciaveva tre palle era un flipper.

Si nun è zuppa è pan bagnato.

Amore, tosse e rogna nun s’annisconneno

Tira di più un pelo de fica che ‘n carro de boi ‘n salita.

Fra Modesto non fu mai Priore





I commenti sono chiusi.