Primo Levi

Primo LeviPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919, si diploma al liceo classico Massimo D’Azeglio e si iscrive alla facoltà di Chimica dell’Università di Torino.
Con le leggi razziali, Primo Levi, ebreo, incontra molte difficoltà nel trovare un professore che sia suo relatore della tesi, ma riesce a laurearsi nel 1941. Da questo momento Levi cerca un lavoro e viene assunto a Milano da un’azienda svizzera di medicinali.
Nel 1943, però, viene catturato dalla milizia fascista e il 22 febbraio 1944 viene mandato con altri 650 ebrei, su un carro merci, verso Auschwitz, in Polonia. Qui Primo Levi rimane fino al 27 gennaio 1945 quando viene liberato dall’Armata Rossa. Di quei 650, Levi è uno dei venti sopravvissuti.
L’esperienza del campo di concentramento lo sconvolge fino a fargli rifiutare la stessa religione, scrivendo: “c’è Auschwitz, dunque non può esserci Dio”.
Tornato a Torino, viene assunto in una fabbrica come chimico. Nel 1947 scrive il suo celebre romanzo “Se questo è un uomo”, dedicato alla Shoà. L’opera ha poco successo. Dopo 9 anni, però, l’opera sarà ristampata da Einaudi ed otterrà subito un successo immediato e la traduzione in varie lingue.
Nel 1962 scrive “La tregua”, sul viaggio di ritorno da Auschwitz.
Negli anni successivi si divide tra la professione di chimico e di scrittore, ma il dolore è e resta forte nella sua memoria.

L’11 aprile 1987 Primo Levi muore gettandosi nella tromba delle scale.

I commenti sono chiusi.