L’italiano della matematica

Come in tutte le lingue, in italiano esistono delle parole specifiche per le operazioni fondamentali. Mentre nei livelli più alti della matematica il linguaggio tecnico è simile in tutte le lingue occidentali, nelle operazioni di base ci sono maggiori differenze.

Addizione

L’addizione è il contare insieme due numeri. Contare insieme si dice anche sommare.
I numeri da sommare si chiamano addendi e il risultato si chiama somma.

Addizione

Questa operazione si può leggere così:

tre più sette è uguale a dieci
tre più sette uguale dieci
tre più sette fa dieci
dieci è la somma di tre più sette
tre più sette ha come risultato dieci
sommiamo/sommo tre a sette e il risultato che otteniamo/ottengo è dieci

L’addizione ha tre proprietà e in italiano si chiamano:

Proprietà commutativa:
Cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia.

3 + 7 + 5 = 15 – 3 + 5 + 7

Proprietà associativa:
Sommando tra di loro gli addendi il risultato non cambia.

3 + 7 + 5 + 6 = 21 – (3 + 7) + (5+6) = 21

Proprietà dissociativa:
Sostituendo ad un numero la somma degli addendi che hanno come risultato il numero stesso, il risultato dell’addizione finale non cambia.

3 + 7 + 8 = 18 – 3 + 7 + (6+ 2)

Sottrazione

La sottrazione è la differenza di due numeri, dove il primo è maggiore del secondo. Trovare questa differenza si dice anche sottrarre.

Il primo numero si chiama minuendo, il secondo sottraendo e il risultato è la differenza o resto.

Sottrazione

Questa operazione si può leggere così:

sette meno tre è uguale a quattro
sette meno tre uguale quattro
sette meno tre fa quattro
la differenza tra sette e tre è uguale a quattro
se sottraiamo/sottraggo tre a sette otteniamo/ottengo come risultato quattro

La sottrazione ha una proprietà ed è la proprietà invariantiva. (Sommando o sottraendo lo stesso ai termini della sottrazione, il risultato non cambia).

Moltiplicazione

La moltiplicazione di un numero per un altro è la somma del primo numero ripetuta tante volte quanto è il secondo numero.

Il primo numero si chiama moltiplicando, il secondo è il moltiplicatore e il risultato si chiama prodotto. Il moltiplicando e il moltiplicatore si chiamano anche fattori.

Moltiplicazione

Questa operazione si può leggere così:

sette per tre è uguale a ventuno
sette per tre uguale ventuno
sette per tre fa ventuno
sette moltiplicato per tre ha come risultato ventuno

La moltiplicazione ha diverse proprietà.
Proprietà commutativa (cambiando l’ordine dei fattori il prodotto non cambia)
Proprietà associativa/dissociativa: 30×2 = (15×2)x2
Proprietà distributiva: (3+4) x 5 = (3×5) +(4×5)

Divisione

La divisione è l’operazione con cui avendo due numeri si ottiene un terzo che, moltiplicato per il secondo, dà come risultato il primo.

Il primo numero si chiama dividendo, il secondo è il divisore e il risultato si chiama quoziente.

Divisione

Questa operazione si può leggere così:

venti diviso quattro è uguale a cinque
venti diviso quattro fa cinque

La divisione ha due proprietà:
Proprietà invariantiva: 20:4 = (20:2):(4:2)
Proprietà distributiva: (16+4): 4 = (16:4):(4:4)

Queste erano le operazioni fondamentali. Vediamo come si leggono le altre operazioni.

Potenza

Potenza Si legge: sette elevato alla terza (numeri ordinali)
oppure semplicemente: sette alla terza

La frazione

frazione Si legge: otto quarti (numeri ordinali)

7/2 si legge sette mezzi
1/3 si legge un terzo

Radice

Radice Si legge: la radice quadrata di quattro

 

Numeri

I numeri si dividono in reali e irreali.

I numeri reali si dividono in

positivi (1, 2, 3 ecc…) e negativi (-2, -5, -8 ecc…)

interi (1, 2, 3 ecc…) e razionali (1/2,  1/3,  1/6  ecc…)

I numeri che si possono dividere solo per se stessi sono chiamati numeri primi.

Pigreco Questo numero è chiamato pi greco.

I commenti sono chiusi.