La formica e la cicala

La formica e la cicala è una favola di Esopo molto famosa. Leggi attentamente la versione in poesia tratta da Jean de la Fontaine e rispondi alle domande:

La cicala e la formica (traduzione da Jean de la Fontaine)

La Cicala che imprudente
tutta estate al sol cantò,
provveduta di niente
nell’inverno si trovò,
senza più un granello e senza
una mosca nella credenza.

Affamata e lamentosa
va a cercar della Formica
e le chiede qualche cosa,
qualche cosa in cortesia
per poter fino alla prossima
primavera tirar via:
promettendo per l’agosto,
in coscienza l’animale,
interessi e capitale.

La Formica che ha il difetto
di prestar malvolentieri,
le domanda chiaro e netto:
– Che hai fatto tu fino a ieri?
– Cara amica, a dire il giusto,
non ho fatto che cantare
tutto il tempo. – Brava, ho gusto,
balla adesso, se ti pare.

1) Cosa vuol dire imprudente?




2) Provveduta di niente vuol dire:




3) Che cos'è la credenza?




4) Cosa si intende qui con tirar via?






Ora leggi i due brevi componimenti di Gianni Rodari:

Alla formica (Gianni Rodari)

Chiedo scusa alla favola antica
se non mi piace l’avara formica.
Io sto dalla parte della cicala
che il più bel canto non vende, regala.

Rivoluzione (Gianni Rodari)

Ho visto una formica
in un giorno freddo e triste
donare alla cicala
metà delle sue provviste.

Tutto cambia: le nuvole,
le favole, le persone.
La formica si fa generosa:
E’ una rivoluzione!

E tu? Preferisci la cicala o la formica? Perché? Scrivi le tue motivazioni (al massimo 50 parole)
I commenti verranno corretti nelle 24 ore successive all’inserimento





16 thoughts on “La formica e la cicala

  1. Jean Lilite il said:

    Ciascuno ha il suo ruolo nella vita. La formica della favola è laboriosa ma anche egoista. La cicala sembra poca laboriosa perché canta senza pensare a domani che cosa mangiare. Direi che oggi la cicala ha ascoltato il consiglio de la formica perché diventanto molto brava, ha imparato a fare generare molto soldi con un solo canto. Adesso la cicala ringrazia la formica del suo consiglio. Lei no chiede nessun elemosina peró riesce a fare che la formica paghi molto soldi per comprare le sue produzioni. La cicala non balla. Solo canta. La formica è quella que balla quando lei canta.

  2. vincenzo il said:

    Forse vado controcorrente, ma io preferisco LA CICALA. La laboriosa formica pecca di egoismo e cattiveria negando cibo e riparo alla cicala che….. per sua natura….deve cantare per attirare la femmina e deporre le uova. La favola se da un lato vuole premiare la laboriosità dall’altro distrugge lo spirito artistico lasciando credere che nella vita sia fondamentale solo lavorare e accumulare beni…anche superiori alle proprie necessità. Chiaramente è una favola e la realtà è un’altra cosa….ma io preferisco comunque la cicala…lei ha seguito la sua natura.

  3. Beatrice il said:

    La cicala ha un bel canto, mi piace ascoltarla nell’estate, però preferisco la formica, perché è laboriosa, un esempio di organisazione.
    Sebbene no sia buono avere formiche nel giardino, perché mangiano tutto, io sceglierei sempre questo insetto.

  4. Abraham del Cid il said:

    Io preferisco la formica perché io sono uno di loro: io lavoro sodo 14 ore per giorno, 6 giorni per settimana… ma non ho dei problemi se una volta tanto io devo aiutare una cicala. Si puó cantare mentre si lavora…

  5. teresa il said:

    In questo mondo di furbetti ci sono molte cicale che
    friniscono (parlano)e convincono a lavorare gli altri.
    Loro, però guadagnano molto e lavorano poco. Vivono alle spalle delle migliaia di formiche che lavorano molto e guadagnano poco. Io sinceramente preferirei
    essere una cicala onesta. Purtroppo vivo da formica
    (sfruttata) come la maggiore parte dell’umanità.

  6. savoca cristian 1c il said:

    io starei dalla parte della formica perchè non è
    giusto che uno lavori per un’ altro.
    però starei anche dalla parte della cicala perchè regala, (senza niente in cambio) alla povera formica che lavora per tutta l’ estate

  7. Artemio il said:

    Mi piace la formica lavoriosa
    perché sempre fa qualcosa,
    ma anche mi piace la cicala
    perché cosi canta,cosi balla.

  8. Pilar il said:

    Mi piace da vero da cicala, però non possiamo mancare il rispetto alla formica che lavora sempre, è il vero esempio che si può fare a una persona per incoraggiarla a lavorare, mi piace perciò, la favola tradizionale

  9. Sofia il said:

    secondo me ha ragione la formica perché lei ha lavorato sodo per tutta l’estate mentre la cicala cantava e ballava e quindi non è giusto che la formica le dia la sua scorta perché è come se la formica avesse lavorato per la cicala.

  10. Maria il said:

    Preferisco la formica,perchè lei è intelligente e diligente,si comporta nel modo maturo.Al contrario,la cicala sembra divertente,ma sta vivendo nel suo mondo
    di fantasie.

  11. Ulas il said:

    Io sto dalla parte della cicala perche credo che la vita fosse senza senso per le formiche se le cicale non esistono. Forse la cicala puo provare a lavorare un po ma non deve lasciar perdere cantare. 🙂 Cantare è nel suo carattere.

  12. Nadine il said:

    Preferisco la formica,anche si é troppo severa,ma in realità è giusta.la cicala no ha saputo approfittare di cio che aveva ai mani, mentre la formica si. Quella è une buona lezione per chi vuole imparare.

  13. Francisco il said:

    Preferisco la formica.
    Le cicale vivono grazie alle formiche. Se nel mondo fossero molte cicale (che a dire il vero ci sono), cosa sarebbe degli altri abitanti, cioè, noi le formiche?

  14. Fabiana il said:

    Io sto dalla parte della cicala perche lei ha imparato la lezione ed è sincera con la formica. Le domanda aiuta ma le promete pagare dopo, invece la formica è avara e non riconosce il suo errore.

  15. Anabel il said:

    Io preferisco la formica altre che la cicala, ma mi piace molto di più la formica rivoluzionaria.
    Sembra molto romantico quello di “regalare il più bel canto”, ma niente realista e certamente irresponsabile e abusivo.Non è giusto per la formica pagare per la pigrizia della cicala…tuttavia perdonare è divino!