La badessa e le brache

Ci sono molte persone che vogliono punire gli errori degli altri e che poi vengono smascherati dalla fortuna. Come è successo ad una monaca.

BadessaIn un famosissimo convento in Lombardia c’è una monaca elegante e bella, di origini nobili; questa monaca si chiama Isabetta.
Isabetta è innamorata di un giovane bellissimo e questo ricambia il sentimento.
Il giovane va a trovare Isabetta in convento ma così, una volta, è visto dalle altre monache. Una monaca, che è invidiosa, decide di dire tutto alla badessa (la suora più importante) che si chiama Usimbalda. La monaca non vuole che Isabetta neghi e quindi decide di avvertire la badessa quando Isabetta si fosse trovata con il giovane, in questo modo la badessa li avrebbe scoperti insieme.
Una notte il giovane torna in convento da Isabetta e le altre monache corrono a chiamare la badessa.
Cominciano a bussare alla porta della badessa dicendole che Isabetta è in camera con un giovane.
La badessa però è in compagnia di un prete e, dato che ha paura che le monache entrino in camera e la vedano con lui, si affretta a vestirsi; ma invece di mettere il velo intorno alla testa, per sbaglio, si mette le braghe (mutande) del prete e corre con le altre monache da Isabetta.
Nella fretta le altre monache non si sono accorte delle braghe, vanno da Isabetta ed entrano nella sua stanza. La badessa grida: “Dove è questa maledetta da Dio?”. Poi quando la vede a letto con il giovane si siede e comincia a parlarle:
“Tu hai portato la vergogna in questo convento, per colpa tua ora si dirà che noi non siamo donne oneste e pure!” e continua ad insultarla. Le altre monache guardano Isabetta e Isabetta abbassa la testa mentre il giovane è lì vicino.
Ad un tratto Isabetta alza la testa, vede le braghe e dice alla badessa:
“Voi avete ragione, però per favore allacciatevi la cuffia (il velo che hanno in testa), e poi mi direte quello che volete”. La badessa la guarda e non capisce, poi si tocca il velo e si rende conto mentre anche le altre monache ora la guardano. La badessa cambia tono e dice che è difficile resistere ai piaceri della carne e che ogni monaca può andare con un ragazzo.
Così la badessa torna a letto con il prete, Isabetta con il giovanotto e le altre monache, che non hanno l’amante, devono cercarselo.

adattato da La badessa delle braghe, in Decameron, di Giovanni Boccaccio.

I commenti sono chiusi.