Un esercizio di stile

Con la legge n. 75 del 1958, il Parlamento italiano approvava la definitiva chiusura delle “case di tolleranza”, quelle in cui lo Stato consentiva lo sfruttamento della prostituzione, legando le donne che vi lavoravano a uno stigma che privava loro e i loro figli dei diritti civili. E’ stata una delle prime e più importanti leggi del Parlamento che applicava il dettato costituzionale dell’uguaglianza di genere. Promotrice della legge era stata la senatrice socialista Lina Merlin, che aveva condotto una battaglia cominciata nel 1948.

Il giornalista Ugo Zatterin, per informare i cittadini dell’approvazione della “legge Merlin” in televisione, riusciva a fare un lungo discorso senza mai pronunciare le parole proibite nella Rai un po’ bigotta e conformista dell’epoca: “prostitute”, “case di tolleranza”, “protettori”. Un grande esercizio di stile e di abilità:


1958 – Zatterin annuncia la legge Merlin e la… di rowtidy

Frozen – Il regno di ghiaccio

“Frozen, il regno di ghiaccio” è un cartone animato della Disney che ha avuto molto successo in Italia. La versione italiana della canzone è stata interpretata, nel film, dall’attrice Serena Autieri e noi ve la riproponiamo qui.

Frozen

La neve che cade sopra di me
copre tutto col suo oblio,
in questo remoto regno la regina sono io!
Ormai la tempesta nel mio cuore irrompe già,
non la fermerà la mia volontà!
Ho conservato ogni bugia
per il mondo la colpa è solo mia!
Così non va, non sentirò un altro no!

D’ora in poi lascerò che il cuore mi guidi in po’,
scorderò quel che so e da oggi cambierò!
Resto qui, non andrò più via
sono sola ormai…
da oggi il freddo è casa mia!

A volte è un bene poter scappare un po’,
può sembrare un salto enorme ma io lo affronterò!
Non è un difetto, è una virtù, e non la fermerò mai più!
Nessun ostacolo per me, perché…

d’ora in poi troverò la mia vera identità
E vivrò, sì, vivrò per sempre in libertà!
Se è qui il posto mio, io lo scoprirò!

Il mio potere si diffonde intorno a me!
Il ghiaccio aumenta e copre ogni cosa accanto a sé!
Un mio pensiero cristallizza la realtà!
Il resto è storia ormai, che passa e se ne va!

Io lo so, sì lo so, come il sole tramonterò
Perché poi, perché poi all’alba sorgerò!
Ecco qua la tempesta che non si fermerà!
Da oggi il destino appartiene a me.