Candelora

La Candelora (2 febbraio) è una ricorrenza che ha radici religiose, a cui si sono poi aggiunti elementi di folklore. E’ la “festa delle luci”, che ricorda la presentazione di Gesù al Tempio, ed è anche dedicata a Maria. Nella tradizione religiosa ebraica, una donna era considerata impura per 40 giorni dopo la nascita del figlio: al termine di questo periodo doveva recarsi al Tempio per purificarsi. La festa della “Purificazione della SS. Vergine Maria” o della “Presentazione del Signore” (in greco “Ipapante“) al Tempio ricorda un gesto di grande umiltà: il Figlio di Dio e sua madre compiono un atto di rispetto per la Legge mosaica.

Il rito della benedizione delle candele ha dato il nome popolare di “Candelora”. Anche la Candelora, come altre ricorrenze, ha ispirato proverbi e detti popolari di natura meteorologica:

Quando vien la Candelora
de l’inverno semo fora;
ma se piove o tira il vento
de l’inverno semo dentro

cioè: “Quando viene la Candelora, siamo fuori dall’inverno; ma se piove e c’è vento, siamo ancora in inverno”. Il proverbio si trova in forme diverse, secondo la regione italiana di origine.






Donare è una forma di amare. Se ti piace il nostro lavoro, considera la possibilità di fare una piccola donazione.

I commenti sono chiusi.