Autorità, autorevole e autoritario

Potere

Per autorità si intende, in italiano, un insieme di qualità che una persona o un’istituzione devono avere per fare in modo che altri individui si assoggettino in modo volontario.

L’autorità è, in italiano, un insieme di qualità possedute da una persona o un’istituzione. Queste qualità fanno in modo che altri individui si sottomettano in modo volontario a queste istituzioni.
L’autorità è diversa dal potere. Il potere è, infatti, la capacità di raggiungere alcuni obiettivi. Il potere può essere illegittimo e non giustificato. L’autorità, se è vera, è sempre giustificata e legittima. Chi ha l’autorità ha sempre la possibilità di esercitare il suo potere ma chi ha il potere non sempre ha l’autorità per farlo.

Quando, però, una persona o un’istituzione hanno le qualità dell’autorità ma non hanno potere si dice che queste persone abbiano l’autorevolezza.

Autorevole è quella persona o istituzione che ha autorità, quindi che è degna di rispetto, che merita fiducia, ma che non ha un potere da esercitare.
Anche in senso più generico, dire che una persona in un certo campo ha l’autorevolezza vuol dire che è degna di fiducia quando si esprime a riguardo. Invece dire che una persona ha l’autorità in un certo campo vuol dire che quella persona gode del potere legittimo di stabilire principi e regole.

Quando un’autorità abusa del proprio potere si dice che è autoritaria. Quindi autoritaria è quella persona o istituzione che usa il proprio potere legittimo oltre la propria legittimità.
Dato che quando si esercita il potere si limita la libertà degli altri, autoritario è diventato anche sinonimo di dittatoriale o liberticida.

I commenti sono chiusi.