Aggettivi – Il corteo dei Magi di Milano

Secondo la tradizione, nel IV secolo il vescovo di Milano Eustorgio volle portare in città le spoglie dei Re Magi che erano a Costantinopoli. Si racconta che, lungo il percorso, il carro si fermò e nessuno riuscì a muoverlo: fu così deciso di costruire lì una basilica (oggi Basilica di Sant’Eustorgio) per conservare le reliquie dei Magi, poi trafugate da Federico Barbarossa che le portò a Colonia (una parte delle reliquie tornò a Milano all’inizio del XX secolo). In onore dei Magi, da secoli, il 6 gennaio, si svolge ogni anno una manifestazione in costume.
Scegli l’aggettivo adatto tra quelli proposti.

Quella del corteo dei Magi che, il giorno dell'Epifania, parte da Piazza del Duomo e arriva a Sant'Eustorgio, è una delle tradizioni più di Milano.

Attestata sin dal Medio Evo, la sfilata del corteo dei Magi è uno degli eventi più dai milanesi, che vi assistono disponendosi lungo il percorso.
Particolarmente sono i bambini che gioiscono alla vista degli costumi dei figuranti e degli animali che fanno parte del corteo.

Il percorso
Il corteo parte anno il giorno dell'Epifania da Piazza del Duomo, si ferma a San Lorenzo dove si trovano i figuranti che impersonano Erode e la sua scorta, e giunge fino a Sant'Eustorgio. Qui, sul sagrato, è allestito un palco con i personaggi della Sacra Famiglia, a cui i Magi portano i doni.
Al termine i discorsi delle autorità presenti e la possibilità di farsi fotografare insieme ai partecipanti al corteo in costume .

Per partecipare
Tutti possono partercipare al corteo in costume, segnalando il nome agli incaricati presenti in basilica al termine delle SS. Messe delle 11.00 in Sant'Eustorgio. Solitamente, le richieste vengono ricevute nel corso delle domeniche di dicembre. I posti sono limitati alla quantità di costumi .
E' importante sottolineare il carattere dell'evento, che si conclude con la visita dei figuranti a comunità di anziani, intrattenuti con simpatia dai personaggi del corteo.

(da www.santeustorgio.it)





I commenti sono chiusi.